Obiettivo è sostenere progetti per sviluppare conoscenze e competenze digitali di dipendenti, collaboratori e volontari degli enti che operano nell’economia sociale.
C’è tempo fino al 19 luglio per partecipare

Le proposte progettuali possono essere presentate da partenariati di almeno due soggetti.
All’interno del partenariato dovranno essere presenti una rete formale o un gruppo di enti privati non profit che presentano un bisogno comune di empowerment delle competenze digitali dei propri dipendenti e/o collaboratori stabili, inclusi i volontari; un soggetto pubblico o privato non profit con comprovata esperienza nella realizzazione di progetti in ambito digitale, che contribuisca a costruire il percorso formativo più adatto alle esigenze manifestate e sia eventualmente in grado di sviluppare una soluzione digitale funzionale alle necessità degli enti.

Il bando “Digitale Sociale” mette a disposizione 15 milioni di euro. Ogni progetto può essere sostenuto con un minimo di 500 mila euro e un massimo di 1 milione. Qualora si preveda lo sviluppo di una soluzione digitale è richiesta una quota di cofinanziamento pari ad almeno il 20%. Gli enti for profit possono essere coinvolti come fornitori per l’erogazione della formazione e/o l’implementazione della soluzione digitale per una quota massima del 25% del contributo di progetto.

C’è tempo fino al 19 luglio per partecipare attraverso il portale Re@dy (www.portaleready.it).
Per tutti i dettagli relativi alla partecipazione al bando “Digitale sociale” si può consultare il sito www.fondprepubblicadigitale.it.

WEBINAR GRATUITI APERTI A TUTTI:

10 maggio 2024 | ore 14.30
Iscrizione

14 maggio 2024 | ore 9.30
Iscrizione